Cerca

modulo attività

modulo tecnica

Login Form

elettrotecnica in spiccioli: ETS

ETS è acronimo di ElettroTecnica in Spiccioli.

otto questa categoria sono raccolte delle brevi spiegazioni del funzionamento dei circuiti elettrici e delle loro parti più "alla mano" che teoricamente ineccepibili.

Negli articoli vengono spesso preferiti termini così come sono usati da persone non competenti che, in quanto tali, hanno una percezione intuitiva della fenomenologia elettrica.

L'intento è quello di favorire migliori conoscenze nel settore facendo riferimento alle competenze acquisite con a scuola media.

Vengono evitate spiegazioni e nozioni concettualmente sbagliate per cui non sono usati l'uso scorretto di termini e l'uso di unità di misura non appropriate.

Si cercherà di ovviare alle carenze intorno alle leggi fondamentali della fisica.

Termini sbagliati (come kW all'ora, tipico di articoli di giornali) saranno quindi evitati o chiariti o banditi.

Di solito ci sono link di approfondimento con rinvii a pagine più precise e corrette.

E' una scelta editoriale e didattica.

 Grazie!

 

Nota: gli acronimi individuano una categoria e servono per orientarsi tra gli articoli.

L'isteresi di un relè è stata simulata nel progetto di scratch descritto in un articolo dedicato all'argomento.isteresiM

Con un altro progetto realizzato con Scratch viene ricostruito il comportamento di un avvolgimento su materaile ferromagnetico sottoposto ad un regime di tensione sinusoidale disegnandone il relativo ciclo di isteresi.

In assenza di ferro la corrente magnetizzante ha forma sinusoidale ed è sfasata in ritardo di 90 gradi rispetto alla tensione.

Non ci sono perdite di potenza attiva.

In presenza di ferro la corrente magnetizzante assorbita non è sinusoidale assumendo una forma che risente sia della saturazione del ferro sia dell'isteresi magnetica.

La tensione elettrica è la causa del movimento delle cariche elettriche.

Si sa che cariche elettriche di segno opposto si attraggono. In un atomo le cariche elettriche positive, i protoni del nucleo, e le cariche elettriche negative, gli elettroni, sono in pari numero per cui le loro cariche elettriche si annullano a vicenda così che l'atomo non ha carica elettrica risultante: si dice che è neutro. (nota 1)

Se qualche fenomeno fisico separa le cariche elettriche allora si produce una forza di attrazione reciproca che tenta di ricongiungere le cariche; questa forza, o propensione al ricongiungimento, si chiama tensione elettrica.

Se una delle due cariche potrà spostarsi allora si ricongiungeranno generando quel movimento in una direzione prevalente che si chiama corrente elettrica.

In corrente alternata ci si imbatte spesso in sistemi di alimentazione monofase (a casa) e trifase (in officina).

La ragione di questa doppia disponibilità ha motivazioni essenzialmente economiche.

Caratteristiche dell'alimentazione monofase:

- richiede impianti con solo due conduttori;

- molte apparecchiature elettriche ammettono/prediligono alimentazione monofase: lampade, forni, apparecchi elettronici …

- va bene per i motori a spazzole (nota 1) (trapani, asciugacapelli, macinacaffè, frullatori);

- i motori a induzione (lavatrice) si possono fare funzionare con trucchi circuitali inserendo un condensatore in serie ad un scondo avvolgimento senza pregiudicarne le caratteristiche e la funzionalità (nota 2).

 

Caratteristiche dell'alimentazione trifase (wikipedia):

- necessita di linee con tre (fasi) o quattro fili (tre fasi più neutro);

- è preferibile per grandi potenze;

- a pari potenza trasmessa richiede una quantità di materiale di linea (conduttori, isolanti, sostegni) decisamente inferiore;

- mette a disposizione dell'utenza due valori di tensione monofoase: 400V di tensione fase-fase o concatenata, 230V di tensione fase-neutro o stellata;

- le tre tensioni sono tutte sfasate di un terzo di periodo l'una dall'altra e nei carichi equilibrati anche le tre correnti;

- i motori a induzione asincroni trifase sono economici, silenziosi, robusti, non hanno spazzole e necessitano di zero manutenzione elettrica (nota 3) grazie al fatto che un sistema trifase produce un campo magnetico rotante senza alcun dispositivo di commutazione (nota 4);

- gli alternatori delle centrali elettriche sono sfruttati al meglio in relazione allo spazio-macchina disponibile;

- gli imianti patiscono lo squilibrio fra le varie fasi per cui va bene per alimentare carichi equilibrati (uguali su tutte le fasi);

- dato che la distribuzione dell'energia elettrica avviene con linee trifasi e l'utilizzo domestico è implementato con linee monofasi, la società distributrice esige che i carichi monofoasi sia distribuiti "abbastanza" equamente fra le tre fasi.

 

Nota importante 

Ovviamente in ogni sistema deve essere previsto un ulteriore conduttore per la protezione dai contatti indiretti.

 

Note

nota 1: se fa rumore e scintille si tratta di un motore a spazzole derivato dal motore in corrente continua ma adattato alla corrente alternata con un avvolgimento induttore in serie all'avvolgimento di indotto. A pari dimensioni e peso i motori a spazzole sono più potenti quindi più adatti ad apparecchiature portatili.

nota 2: i motori a induzione sono molto robusti e più silenziosi, non necessitano di spazzole e non fanno scintille.

nota 3: ma girano a velocità prefissate in base al numero dei poli previsti in fase di costruzione dell'avvolgimento n giri al min= 60*f/p, con p pari al numero di coppie polari (1,2,3,4 ...) ed f la frequenza di rete.

nota 4: con apparecchiature elettroniche (inverter) si possono riprodurre sistemi trifasi a partire da sorgenti di tensione continua a frequenza e tensione variabile potendo così superare il problema della regolazione della velocità dei motori asincroni.

Cosa significano i termini "corrente continua" e "corrente alternata" e quale è il loro impiego.

In quali circuiti sono disponibili la corrente continua ed in quali la corrente alternata.

Sottocategorie

Circuiti elettrici

Il collegamento degli apparecchi elettrici avviene connettendo fra di loro i morsetti di cui sono dotati.

Il circuito elettrico allora viene ad essere interessato da tensioni e correnti e da trasformazioni di energia che è possibile calcolare utilizzando le leggi che lo governano:

  • principi di conservazione della materia e dell'energia
  • principi di Kirchhoff
  • legge di Ohm
  • legge di Joule
  • ......
  • A parte vengono considerati i circuiti elettrici in corrente alternata (sinusoidale) come caso particolare.
  • Altri casi particolari sono i circuiti elettrici funzionanti a intermittenza (ad onda quadra o ad impulsi)

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk