Cerca

modulo attività

modulo tecnica

Login Form

applicazioni di elettronica: ENA

ENA è acronimo di ElettroNica Applicazioni; mi serve per orientarmi tra gli articoli.

Viene esaminato il funzionamento di alcune applicazioni tipiche dell'elettronica.

Cosa ci faccio con un resistore

Con questo argomento si entra nel campo della progettazione dei circuiti elettrici: scegliere i componenti e fissarne le caratteristiche per l’acquisto ed il montaggio. Sono possibili le seguenti applicazioni:

1- produrre cadute di tensione

2- fissare l’intensità di corrente in un ramo


3- realizzare ingressi digitali
 utilizzando contatti e interruttori

4- reostati per regolare la corrente in un circuito


5- partitori di tensione e utilizzo di sensori
 analogici

6- potenziometri per regolare la tensione


7- misurare correnti elevate


8- produrre calore
 Per rispondere basta applicare la legge di Ohm.

Il convertitore Analogio Digitale (ADC Analogic to Digital Converter) svolge la fondamentale funzione di rendere utilizzabile da un computer (che tratta solo bit ed insiemi di bit) le grandezze fisiche che appartengono all'insieme delle grandezze analogiche, cioè di quelle grandezze che assumono infiniti valori con continuità e non possono quindi essere memorizzati (nota 1).

output

La conversione comporta una semplificazione della grandezza che varia nel tempo (nota 2) senza soluzione di continuità, in una grandezza che assume valori a "livelli" e solo per alcuni "momenti". (disegno a lato e nota 8)

Questo articolo, con il progetto di simulazione realizzato con Srctach3 è stato aggiornato in un nuovo articolo.

Alcune informazioni di base qui conte nute sono valide.

La nuova simulazione è più precisa e versatile. 

 

Premessa

Il suono

Il suono è una conseguenza delle oscillazioni di pressione dell'aria provocate da un oggetto che si muove (la corda di una chitarra, il tubo sonoro di un flauto, membrana elastica di un tamburo, le corde vocali nella gola, il bicchiere che cade sul pavimento, il botto di un petardo ...) o dalle oscillazioni di una massa d'aria in una cavità.

Quando le oscillazioni di pressione raggiungono il padiglione auricolare suonoi componenti dell'orecchio traducono le vibrazioni di pressione raccolte dal timpano in una sensazione che noi chiamiamo "suono". (youtube)

(Vedi articolo del dott. Carlo Govoni, otorinolaringoiatra)

Se l'oscillazione ha carattere periodico, si tratta probabilmente di musica in quanto si può trattare di oscillazioni prodotte da uno strumento che produce note musicali.

Una nota musicale produce oscillazioni a frequenza costante.

Se l'oscillazione della pressione ha caratterische casuali si tratta di rumore o di parlato.

Il cervello è in grado di distinguere suoni da parlato e da rumori.

Dopo l'articolo sul suono analogico ecco degli appunti sul suono digitale.

La conversione A-D del suono

Per trattare il suono con apparecchi digitali come i computer o i lettori di CD occorre che il suono, grandezza analogica, sia convertito in numeri: questo è il lavoro del convertitore analogico-digitale che realizza quanto previsto dal metodo di rappresentazione digitale di una variabile analogica definita come PCM (Pulse Code Modulation) (vedi wikipedia)

conversione2

Vedi anche UNITO (prof Rossano Gaeta) e forum Indire.

Detto questo occorre allora fissare la frequenza di campionamento del convertitore che deve essere il doppio della massima frequenza del suono che si vuole registrare (teorema di Shannon-Nyquist) e la gamma di livelli da estrarre dal segnale.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk