Cerca

modulo attività

modulo tecnica

Login Form

microbit progetti

Quando si usano sensori si vuole conoscere il numero che microbit usa al suo interno per rappresentare la misurazione della grandezza fisica.

La grandezza fisica può essere l'intensità luminosa o la temperatura o l'inclinazione che la stessa scheda è in grado di rilevare con sensori interni oppure è una grandezza rilevata da sensori esterni appositamente collegati a microbit.

In ogni caso la grandezza fisica, che tipicamente rientra nel campo delle grandezze analogiche, viene convertita in un numeo a uno o due byte dalla circuiteria di microbit.

Si vuole conoscere quale sia il numero che viene associato da microbit ad un dato valore della grandezza fisica.

Il monitor serve a questo scopo.

ù

Un oscillatore con microbit

microbit PWM schemaLe uscite analogiche di microbit forniscono tensioni ad onda quadra con durata variabile dell'impulso per modulare il valore medio delle tensione in uscita: è la tecnica PWM illustrata in questo altro articolo link1.

Modulando il valore dell'uscita PWM si può ottenere una tensione variabile grazie aall'uso di un filtro RC.

In ciascun periodo T la durata dell'impulso ∆t dipende dal valore assegnato all'uscita analogica:

\[∆t=\dfrac{valore}{1023}*T\]

Nel progetto in esame si fa variare il numero da convertire con delle regole che permettono di ottenere forme d'onda a piacere purché si sviluppino a frequenze decisamente inferiori a quella dell'oscillatore.

Un dispositivo passa-basso (il circuito RC della figura) bloccherà la componente ad alta frequenza e rileverà il valore medio della tensione.

Un convertitore digitale-analogico con microbit

Le uscite analogiche dei processori sono realizzate con la tecnica PWM utilizzando il comando

writeAnalogP0

L'oscillatore di microbit dedicato alla produzione della tensione PWM produce una tensione ad onda quadra con periodo 20 ms.

Liste con microbit
Le liste in micro:bit vengono trattate con le funzioni di array.
Gli array di micro:bit sono elenchi ordinati di dati dello stesso tipo tra i seguenti: numeri, valori binari o stringhe.
In un elenco ordinato ogni dato è caratterizzato da un indice che ne specifica la posizione all’interno dell’elenco.
Vedi anche la pagina ufficiale.

Le argomentazioni di questo articolo si riferiscono al progetto "array0".

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk