Cerca

modulo attività

modulo tecnica

Login Form

laboratorio: LB

Esempi ed applicazioni di componenti elettrici ed elettronici.

In laboratorio è stato smontato un blocco di motorizzazione di tapparelle domestiche.

Si tratta di un tubo che va inserito nell'avvolgitore cavo della tapparelle di casa.

Con un pulsante per ciascuna direzione di marcia, la tapparella viene fatta scendere o salire senza che la tapparella oltrepassi i limiti della corsa grazie alla presenza di un finecorsa meccanico, regolabile, installato sullo stesso blocco motore.

 

 

Nella scheda messa a disposizione link1 sono state riassunte alcune caratteristiche meccaniche necessarie a comprendere la funzionalità del blocco motore.

Il blocco motore è stato smontato per esaminare i vari componenti e la loro funzione.

Per agevolare la comprensione di alcune parti sono stati prodotti due video:

il finecorsa incorporato

 

il riduttore di velocità plenetario

 

 A questo link1 un video per sapere come montare il blocco motore

Un alimentatore switching (vedi qui) viene smontato per conoscerne il funzionamento.

I caricabatterie utilizzati per le apperecchiature elettroniche sono di questo tipo.

Si tratta di un piccolo oggetto che assorbe energia dalla rete domestica a 230V in corrente alternata e restituisce una tensione continua di 5 V.

alim

Il carico di questo alimentatore può arrivare ad assorbire una corrente di 2 A.

 

Caratteristiche:

potenza in uscita = 10 W,

leggero, poco ingombrante.

Nota: gli alimentatori tradizionali (classici) della stessa potenza hanno peso ed ingombri molto maggiori e non si prestano per essere trasportati.

 

 

I tester sono dei multimetri, cioè degli strumenti adatti ad effettuare misurazioni di grandezze elettriche diverse come tensioni e correnti continue ed alternate, resistenze ed altro.

I multimetri sono di due tipi fondamentali:

- analogici

- digitali

Misura della caduta di tensione nei generatori

Tutti i generatori che si utilzzano in pratica risentono della variazione di corrente assorbita dai carichi (nota 1).circuito elettrico

Quando non è collegato alcun carico, la correne erogata è nulla (I=0): la tensione ai morsetti è ad un valore denominato "tensione a vuoto" e si indica con V0.

Quando si collega un carico viene erogata la corrente I, la tensione ai morsetti è  minore di quella a vuoto; questa tensione si chiama " tensione a carico" e la indichiamo con VG.

Esperimento

- si misura la tensione nelle due configuazioni

- si osserva che la tensione a carico è tanto minore quanto maggiore è la corrente erogata dal generatore e

- si calcola la caduta di tensione da vuoto a carico.